Periodo: Novembre

Anno: 2017

Numero: 64

I responsabili marketing delle  aziende IT molto spesso abusano  del neologismo “green IT” per i  propri prodotti, per le proprie aziende,  poi arriva il verdetto di Greenpeace che  pubblica, per il 19esimo anno consecutivo,  la “Guide to Greener Electronics” ovvero la  ‘pagella’ di chi è più ‘verde’, che assegna  i voti alle aziende che eff ettivamente  si impegnano per realizzare un mondo  sempre più pulito e sostenibile e si scopre  che il marketing mette in luce quello che  effettivamente oggi non è.

Le valutazioni presenti all’interno della  Guide to Greener Electronics riguardano  ben 17 big dell’IT che messi insieme nel solo  2016 hanno generato - a livello di emissioni -  qualcosa come 103 milioni di tonnellate  di CO2. Le valutazioni complessive - su  una scala da A a F, dove per quest’ultima  significa il peggiore - emergono dalla media  di diversi punteggi che sono condensabili in  tre categorie: energia (capacità di riduzione  dell’emissione dei gas serra attraverso  il ricorso a fonti rinnovabili e innovativi  processi di effi cenza); consumo di risorse  (uso di materiali riciclati e progettazione  sostenibile) e sostanze chimiche ovvero  l’eliminazione dei prodotti dannosi sia per  quanto riguarda i processi di fabbricazione,  sia dai prodotti stessi, e la trasparenza sul  loro utilizzo.

La valutazione globale peggiore  (valutazione F) viene assegnata da  Greeenpeace alle cinesi Xiaomi, Vivo e  Oppo, oggi tra le protagoniste del mercato  globale degli smartphone, seguite a ruota  dal gigante Amazon.

In questo numero:

ChannelCity Magazine

ChannelCity Magazine punta all’approfondimento, alla relazione face-to-face, alla possibilità di mettere attorno a un tavolo gli attori del canale. Ma soprattutto entra in profondità sulle tematiche vitali del Canale B2B quali il fi nanziamento, la formazione, i trend di mercato, le iniziative commerciali di vendor e di distributori.

Cosa ci contraddistingue

ChannelCity Magazine punta all’approfondimento, alla relazione face-to-face, alla possibilità di mettere attorno a un tavolo gli attori del canale. Ma soprattutto entra in profondità sulle tematiche vitali del Canale B2B quali il fi nanziamento, la formazione, i trend dimercato, le iniziative commerciali di vendor e di distributori.

Cosa c'e' all'interno

Ampio spazio alle analisi dei trend di mercato attraverso la collaborazione dei principali analisti di mercato, Il tema del mese, visto dalla parte del vendor, del distributore e del reseller, Incontri tematici con i soggetti che compongono il canale, Le prove hardware e software con l’offerta di servizio commentata, I volti e le opinioni dei protagonisti del canale B2B, Ampio spazio dedicato ala formazione del canale, e molto altro.

Vota